Feb
27
2012

L’odore della Terra…di Dimitri Giardini

Leggera, friabile e scura

di foglie umide, di funghi freschi e muschio

è il suo profumo inebriante,

è la terra più rara, quella più buona

è l’humus della vita, è la terra

del sottobosco di latifoglia.

Secca, sfuggente e pallida

di polvere, sali minerali e conchiglie rotte

è il suo cattivo odore,

è la terra più diffusa, quella più povera

è la sabbia dei deserti, la terra senza vita.

Tra la vita e la morte

c’è la terra dei campi, la terra coltivata

a cui l’argilla da forme e modella

quando le piogge l’irrorano

e diventa dura come pietra

quando i raggi del sole l’irradiano.

E che odore ha questa terra ?

Ha l’odore della fatica e del sudore,

ha l’odore della storia e del tempo,

che è piacevole quando è amata,

ma è terribile quando è sfruttata.

Scritto da Amici della Foce in: Poesie |

Responsabile, Presidente Marco Giardini - Redazione: Abbati & Venafro
Amici della Foce del Fiume Cesano - Tutti i diritti sono riservati, è vietata la riproduzione dei contenuti o delle immagini senza la specifica autorizzazione della redazione.